Plafoniera led come trasformare le plafoniere esistenti
5 (100%) 3 votes

Plafoniera led

La plafoniera led è un corpo illuminante, ovvero, un apparecchio per l’illuminazione elettrica,  da installare direttamente a muro oppure a soffitto.

Costituita da un supporto base in materiale metallico o polimerico che viene fissato alla parete; sul supporto è fissato il portalampada con il relativo cavo di alimentazione ed è completata da una calotta. Ques’ultimo elemento in materiale traslucido, vetro o metacrilato, di varie forme è l’elemento caratterizzante della plafoniera.

plafoniera ledLa caratteristica principale di una plafoniera, quindi, è quella di essere installata direttamente su una superficie, parete o soffitto. Se ne trovano in commercio diversi tipi, decorative o estremamente funzionali, da interni o da esterni. Si possono altresì diversificare in funzione dell’utilizzo, non è raro infatti trovare plafoniere che sono dei veri e propri oggetti artistici; utilizzate, più che per illuminare, come oggetti d’arredo. E’ normale trovare una plafoniera nei più svariati ambiti lavorativi, da un cantiere o in una miniera dove occorre rispettari particolari criteri di robustezza ed impermeabilità. La modalità di emissione del flusso luminoso ne consente l’impiego nelle più svariate condizioni ove è necessario avere un’illuminazione diffusa o anche per ricercare soluzioni scenografiche per ambienti interni ed esterni.

In effetti la plafoniera led non differisce tanto rispetto ad una normale plafoniera se non per l’adozione della lampadina che, nel nostro caso è a led, con tutti i vantaggi che ne conseguono. Pertanto, è quasi sempre possibile trasformare una qualsiasi plafoniera in una a led semplicemete sostituendo la lampadina utilizzata.

Trasformare le plafoniere esistenti

L’inarrestabile diffusione dell’illuminazione a led dell’ultimo decennio ha di fatto fugato ogni perplessità su questa tecnologia. Si sono affermate molte tipologie di lampade a led, spesso molto innovative come le strisce led ed i pannelli led. La possibilità di convertire facilmente un qualsiasi corpo illuminante ha reso estremamente vantaggiosa l’adozione di questa tecnologia innovativa.

Sul mercato sono subito comparse lampade a led con gli stessi attacchi utilizzati dalle lampade tradizionali. Lampade alogene con attacco R7S o G9 e lampade a bulbo con attacco E14 o E27 sono state subito sostituite con le omologhe a led. La sostituzione con le lampade a led pur con le stesse caratteristiche dimensionali ed elettriche ha comportato una riduzione della potenza assorbita fino al 90%.

Per trasformare una plafoniera esistente, oltre che conveniente, è abbastanza semplice, occorrono solo pochi passaggi.

Plafoniera led – Rilevare la lampada installata

Innanzitutto occorre accertarsi del tipo di lampada installato e le caratteristiche illuminotecniche. Per cui, previa interruzione dell’alimentazione elettrica e con le opportune cautele da adottare in caso di rischio elettrico, rimuovere la calotta della plafoniera e smontare la lampadina installata. A questo punto occorre prendere nota delle seguenti caratteristiche:

  1. tipo di attacco (di seguito troverete i tipi di attacchi più utilizzati);
  2. tipo di lampada;
  3. dimensioni della lampada;
  4. tensione di alimentazione;
  5. potenza della lampada;
  6. flusso luminoso della lampada (se indicato è espresso in lumen);
  7. temperatura di colore.

Nell’immagine che segue vengono riportati i più diffusi tipi di attacchi. Ovviamente per trasformare in plafoniera led occorre individuare una lampadina led con lo stesso tipo di attacco o adottare un convertitore di attacco.

plafoniera led attacchi

 

Il tipo di lampada da sostituire è importante per valutare la potenza della lampadina led da adottare. Normalmente troverete una delle seguenti tipologie di lampade:

  1. incandescenza;
  2. alogena;
  3. fluorescente.

Le dimensioni della lampadina da sostituire sono importanti poichè molte lampade alogene hanno dimensioni compatte e la plafoniera che le ospita, spesso, non ha spazio a sufficienza per alloggiare una lampadina a led di dimensioni maggiori. Casi del genere si verificano con lampade alogene con attacco del tipo R7S, G4 o G9. Inoltre è opportuno verificare che con l’installazione della lampadina a led vi sia una sufficiente circolazione dell’aria per evitare surriscaldamenti.

Plafoniera led – Individuare la lampadina led

Il flusso luminoso emesso da una lampadina, ovvero, la quantità complessiva di luce che emette una lampadina, non va misurato in Watt ma in lumen.  A parte la terminologia tecnica, il fattore molto importante che caratterizza e differenzia i diversi tipi di lampadine è l’efficienza energetica. Questo fattore è tipico per ogni tipologia di lampadina ed esprime la quantita di lumen emesso riferito ad un Watt di energia consumata dalla lampadina.

Nella tabella seguente si riportano i valori tipici di efficienza energetica per le diverse tipologie di lampade comunemente utilizzate:

Plafoniera led - efficienza energetica per le diverse tipologie di lampade
IncandescenzaAlogeneFluorescenti LED
Efficienza luminosa (lm*W)10-1222-2445-5585-120

Se non si dispone di informazioni sul flusso luminoso di una lampadina (il dato è riportato normalmente sulla confezione) basta moltiplicare il numero di Watt per il valore dell’efficienza energetica di quella tipologia di lampada per ottenere, con buona approssimazione, il numero di lumen emesso dalla lampada.

Esempio:

Lampada alogena da 50 Watt

50 Watt  x   22 lumen/Watt  = 1100 lumen

 

Nell’esempio precedente, utilizzando per la sostituzione una lampadina led con efficienza energetica pari a 110 lumen * Watt, otteniamo:

Lampadina led corrispondente: 1100 lumen / 110 lumen*Watt = 10 Watt

per cui si ha un risparmio energetico di 40 Watt pari all’80%.

Plafoniera led – Valutazioni sull’acquisto di una nuova lampadina led

Prima ancora dell’acquisto di una nuova lampadina led, occorre ancora valutare attentamente:

  1. la necessità di aumentare l’illuminazione;
  2. la temperatura di colore;
  3. l’indice di resca cromatica (CRI);
  4. lo spazio effettivamente disponibile.

Una volta individuato il flusso luminoso della lampadina led da acquistare questo può essere aumentato se vogliamo una maggiore luminosità.

La temperatura di colore è opportuno uniformarla a quella dell’illuminazione già esistenti per non avere sgradevoli variazioni da un ambiente all’altro o, peggio, nello stesso ambiente.

L’indice di resa cromatica, seppur poco preso in considerazione, è fondamentale per la resa corretta dei colori, per cui si ritiene imprescindibile l’adozione di un CRI maggiore di 80.

Per evitare banali incompatibilità, occorre verificare lo spazio a disposizione per la nuova lampadina.

Plafoniera led – costo

Il costo da sostenere per la trasormazione in plafoniera led è relativo alla sola lampadina led e, naturalmente, dipende dalla tipologia di attacco e, soprattutto dalla qualità. La rapida diffusione dell’illuminazione a led ha comportato una vertiginosa riduzione dei prezzi per cui è facile trovare lampadine led a poco prezzo.

Essendo un apparato elettronico che, oltre alla possibilità di guastarsi rapidamente, può provocare malfunzionamenti o corto circuito, con tutto ciò che comporta per la sicurezza,  ci sentiamo di consigliare di spendere qualche euro in più rivolgendosi a prodotti di qualità. In ogni caso, le maggiori spese per l’acquisto di un buon prodotto saranno ampiamente recuperate da una maggiore durata della lampadina led.

Plafoniera led come trasformare le plafoniere esistenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *